Trento o Marrakech?


La nostra città sta forse intraprendendo la via per diventare una nuova Marrakech? Vogliamo che il nostro centro storico diventi un bazar a cielo aperto? Le mie domande sono ovviamente sarcastiche ma vogliono mettere l’accento su di un’abitudine che dilaga lentamente e che deturpa l’identità di Trento.

Non entro nel merito della fiorente apertura di bazar cinesi et similia anche in centro – le regole del commercio sono da sempre “domanda e offerta” -, però penso sia GIUSTO e CORRETTO che le regole siano uguali per tutti. Come mai molti di questi bazar si “appropriano” del suolo pubblico esponendo la mercanzia all’esterno del negozio? Tali mercanzie, oltre ad essere di intralcio per i diversamente abili che hanno già mille problemi a muoversi nella nostra città, giammai sono consone alla bellezza del nostro tanto vantato “centro storico”. Il Sindaco – sempre attento e vigile in città (sia consentita l’endiadi ironica) -, si è forse accorto di quanto sta accadendo?

Penso a tutti i ristoratori e baristi che per poter collocare alcuni tavolini devono – naturalmente –,pagare il balzello della “Tassa di occupazione di suolo pubblico”. Se viviamo in un’autentica democrazia, mi auguro che venga in concreto garantito il principio di uguaglianza e che di conseguenza tale tassa sia pagata anche dai suddetti negozianti cinesi o simili.

Spero che la fatica degli ultimi anni nella direzione di un maggior decoro e bellezza al nostro agglomerato urbano non diventi rapidamente inutile per colpa di politici “poco attenti” alle cose ovvie e semplici, qui nello specifico il rispetto della normativa.

Concludo dunque con questa frase: “SINDACO, che facciamo?”.

 

Vuoi fare una segnalazione?

Se hai piacere di segnalarmi situazioni di disagio, degrado, proporre iniziative per migliorare Trento e la TUA città, denunciare ingiustizie, segnalare sprechi di risorse pubbliche oppure semplicemente condividere il tuo punto di vista e confrontare le tue idee scrivimi subito.

 

CONTATTAMI